JAZZ

Corey Harris – (Foto di Nael Manuela Simonetti)


Feel Like Going Home

di Angelo D’Elia

LIVE REPORT – Chi ha visto l’imprescindibile documentario Dal Mali al Mississippi, diretto nel 2001 da Martin Scorsese (e, se non l’avete fatto, smettete di leggere e rimediate immantinente), saprà già che Corey Harris è un vero ricercatore nell’ambito del Blues, delle sue radici, dei suoi stili, del suo impatto sociale e culturale attraverso i secoli.

Una vera e propria lezione, quindi, quella tenutasi alla Casa Del Jazz. Harris, da buon studioso, padroneggia tutte le tecniche e gli stili e ce ne dà ampiamente prova, passando agilmente dal ragtime e dagli arpeggi raffinati di Blind Willie Mc Tell e Skip James (una Devil Got MY Woman da pelle d’oca), al country blues più rurale e carico di gospel, dalle parti di Charley Patton e del Muddy Waters pre-elettrico (Feel Like Going Home). Ad accompagnarlo, il dolce contrappunto del mandolino di Lino Muoio e le armoniche di Hook Herrera, che rubano la scena in più di un’occasione, il tutto calato in un’atmosfera intima e confidenziale, quasi come se stessimo bivaccando attorno al fuoco, dopo una lunga giornata di lavoro.