Rock-Blues / Garage

Astral Week

Astral Week

05 Dicembre – Black Out
Un nome su cui puntare

Per quelli che, nella scorsa estate, non erano presenti al festival Roma Brucia di Villa Ada Incontra il Mondo il consiglio spassionato è di non perdere l’appuntamento del 5 dicembre al Black Out di Via Casilina.

Nella 2 giorni di Luglio non sono stati certo uno dei nomi di punta, eppure l’energia degli Astral Week, unita alla loro indubbia bravura, ha convinto un numero sempre maggiore di persone tanto da essere notati da importanti emittenti radiofoniche nazionali che li hanno inseriti nelle proprie classifiche per parecchi mesi.

Un anno fa si sono fatti notare con la loro personale cover di Happy di Pharrell Williams (grazie anche al divertentissimo video), a luglio hanno bissato con un altro singolo potente e dal video altrettanto geniale e ad ottobre hanno iniziato le registrazioni del loro primo album in studio.

Nati nel 2013 dall’incontro degli Your Hero con il batterista dei Vanilla Sky, Jacopo Volpe, i cinque ragazzi romani propongono una musica che parte da quella fantastica rivoluzione del suono che ha caratterizzato la fine degli anni ’60 e buona parte dei ’70, quando John Bonham buttava giù i muri con i suoi assoli, quando Jimmy Page paralizzava tra sperimentazioni e virtuosismi con la sua Gibson Les Paul, quando i Jefferson Airplane di Grace Slick ed i Doors di Jim Morrison incantavano con la bellezza dei leader e facevano volare tra suite lisergiche e spettacoli psichedelici.

Del resto, l’attaccamento del gruppo a quel periodo è chiaro già pensando al nome col quale hanno scelto di chiamarsi, citazione affatto velata del capolavoro dell’irlandese Van Morrison. Prendete tutto questo, avvolgete il tutto in un suono garage potente, ruvido e diretto e avrete gli Astral Week. Le premesse per un bel concerto ci sono tutte. (F.DiG.)

Visione consigliata:

Pin It on Pinterest

Share This