CANTAUTORATO


Emilio Stella e Ilaria Pantusa (Lester)

Intervista al cantautore romano, da poco fuori con il suo debutto Suonato
Emilio, senza troppi giri di parole, voce, chitarra… e occhi chiusi

di Ilaria Pantusa

INTERVISTA – Se Emilio Stella con la sua musica ci invita a visitare la periferia di Roma – basta chiudere gli occhi e ascoltare il suo disco Suonato, uscito per Goodfellas a settembre e che noi abbiamo recensito –, con le orecchie per una volta Emilio Stella lo abbiamo portato noi nel centro della Capitale, a due passi dal Colosseo e dai Fori, sulla terrazza di Humus Bistrot, bella e calda pure a novembre.

È da questa postazione privilegiata che abbiamo avuto modo di fare una piacevole e interessante chiacchierata con questo cantautore e cantastorie romano, che senza troppi giri di parole ci ha parlato di sé e della sua musica, del suo rapporto con Roma e di quello col pubblico dei suoi concerti.
Ma non ci sono solo le chiacchiere, ovviamente – e come potrebbe essere altrimenti?  – c’è la musica, voce, chitarra e occhi chiusi. Si parte.

 

Backstage – Foto di Giulio Mautone

Vai alla campagna crowdfunding