blues

Luther-Dickinson_articolo

Luther Dickinson (North Mississippi Allstars e The Black Crowes)

30 Maggio – Monk Club 
Mojo Station Blues Festival XI – Ecco il bluesman del momento.

Al Monk Club, dal 28 al 30 maggio, l’XIa edizione del Mojo Station Blues Festival.

La 3 giorni di blues della ormai storica rassegna romana punta sui nomi di C.W. Stoneking (giovedì 28), Watermelon Slim (venerdì 29) e Luther Dickinson (sabato 30), con la consueta premessa di corpose iniezioni di artisti locali in accompagnamento.

La serata più attesa è l’ultima, con un artista noto a tanti, ma non a tutti. È necessario provvedere al più presto, approfondendo l’argomento, per non perdersi un’occasione rara come quella di vedere un bluesman nel suo momento topico, ancora relativamente giovane, ma anche abbastanza grande da poter esibire una certa maturità. Probabilmente è così che bisogna immaginarsi Luther Dickinson, rilassato perché consapevole, proprio come il suo ultimo disco, Rock ‘n Roll Blues, motivo per il quale si è avuto modo di ‘acchiapparlo’ dalle nostre parti.

Il disco (terzo da solista – autoprodotto), è costituito di canzoni serbate nel cassetto per troppo tempo (20 anni), piccoli frammenti musicalmente rigenerati che, sorprendentemente, acquistano senso nello scoprirsi insieme, realizzando un viaggio gradevolissimo e che dice ancora molto di Dickinson. Volutamente, perché l’opera si dichiara autobiografica nel tracciare il percorso musicale dell’autore, a cominciare dall’adolescenza, segnata dall’amore per il punk (contraddizione in termini). Le canzoni, ridotte all’essenzialità (tanto da rasentare il folk puro), sono ricucite con la maturità di cui si parlava prima, anche in questo giace la coesione di tutto il lavoro.

“C’è differenza fra le registrazioni che fai da trentenne e quelle da quarantenne…”, dice lui, quasi a voler fare un bilancio di una prima parte di carriera sfavillante, anche solo stando alla lista delle collaborazioni (Robert Plant, Mavis Staples, Willy DeVille, Jon Spencer, Beck, Buddy Miller, John Hiatt, per dirne alcuni), con le esperienze principali in North Mississippi Allstars, con il fratello Cody, e The Black Crowes, con i quali ha attraversato tutto il momento di rinascita degli ultimi anni. Per poi tornare alle care zone rurali del Mississippi. (B.B.)

Pin It on Pinterest

Share This