Goth / Stoner

witches of doom

Witches Of Doom

31 ottobre – Sinister Noise
Godurioso finesettimana da incubo

Una notte da brivido, quella del 31 ottobre al Sinister Noise per un Halloween all’insegna dell’ammaliante fascino lunare e dei misteri che cela l’oscurità.

Saranno 2 le band che si esibiranno durante la notte delle streghe: i Witches of Doom, combo dalle atmosfere doom/gotich dai tratti sexy che ricordano i Cult, e i Funeral Mantra, metal stoner band di grande impatto, che in maniera personale rivisita quelle sonorità che hanno reso note band quali Orange Goblin e Alabama Thunderpussy.

I Witches of Doom sono una band dal sapore nuovo ed originale, l’album Obey, ne è chiara dimostrazione. Orecchie attente percepiranno che la componente doom che caratterizza il loro lavoro non è ossessiva autocitazione, ma collante che solidifica in un unico corpo le variegate influenze di ogni componente. I Witches suonano un doom sui generis, che attinge tanto dal southern tipo Clutch dalle ritmiche serrate e incalzanti, quanto dalle sonorità heavy rock alla Cult, arricchite dalla vocalità di Danilo Piludu che agilmente passa da registri vocali sexy ed energici alla Ian Astbury, alle tonalità calde e avvolgenti che ricordano Peter Steel.

Avranno il compito di dare un tocco più lisergico alla serata i Funeral Mantra, con sonorità decisamente più crude e dirette, di tipica scuola stoner metal. Band romana dalle grandi potenzialità, anche se con un solo demo di inediti alle spalle, i Funeral Mantra non sono certo degli sprovveduti novellini, ma veri e propri rocker ‘n’ road, che hanno sempre suonato, su e giù per la Capitale, musica di artisti come Spiritual Beggars, Black Label Society. I Funeral oggi decidono di concentrarsi sulle personali potenzialità, con un album di inediti tutto loro. Poche voci trapelano sulle registrazioni già avviate, ma una cosa è sicuramente prevedibile, distorsioni grasse e slabbrate rievocheranno tutti gli spettri che animano la stoner music. (Antonio Perruggino)

Pin It on Pinterest

Share This