La redazione consiglia

Goran Bregović

***

KING CRIMSON
23 luglio, Auditorium Parco della Musica
– Roma Summer Fest –

“Tornano in Italia i King Crimson, la band che ha fatto la storia del progressive rock e che durante il corso della sua carriera ha influenzato ed ispirato molti artisti contemporanei da diversi generi musicali creando una sorta di culto attorno al suo nome. Con tre batteristi, Pat Mastelotto, Gavin Harrison e Jeremy Stacey, e con il ritorno del poli-strumentista Bill Rieflin alle tastiere, Robert Fripp, chitarrista e fondatore originale, dice che questa ‘formazione a doppio quartetto’ farà probabilmente più baccano di sempre. A completare la line-up di otto elementi, troviamo il chitarrista e vocalist Jakko Jakszyk, il bassista e membro di lungo corso Tony Levin e il sassofonista e flautista Mel Collins che è stato un pilastro dei King Crimson dal 1970-1972. Lo show di tre ore serrate trae materiali da tutti i periodi della storia della band […]”.

EVENTO FACEBOOK

***

CORY HENRY
23 luglio, Parterre – Farnesina Social Garden
– Roma Jazz Fest –

“Originario di Brooklyn, Cory Henry ha debuttato nel mondo della musica a soli sei anni, all’Apollo Theatre di Harlem. A 19 anni è entrato a far parte della touring band dell’icona del jazz Kenny Garrett. Noto ai più per la sua militanza negli Snarky Puppy (live report LESTER qui). Tastierista eccellente, prima di dedicarsi ai progetti da solista con i quali ha scalato le classifiche #Jazz di BillBoard, ha suonato con Bruce Springsteen, The Roots, P. Diddy e Yolanda Adams.
Per il progetto con i Funk Apostles, Henry ha messo insieme i musicisti che ha incontrato sul suo cammino nel corso degli anni, creando un’autentica all-star band. Con i suoi “Apostoli”, Henry predica il vangelo di un jazz in cui funk, gospel e sintetizzatori si mescolano, dando vita a una miscela intrigante e colta, eppure immediatamente riconoscibile.”.

EVENTO FACEBOOK

***

GORAN BREGOVIĆ
24 luglio, Villa Ada

“Molti artisti sarebbero felici con solo un frammento della carriera di Goran Bregović.
Compositore contemporaneo, musicista tradizionale o rock star, non ha dovuto scegliere – ha combinato tutto per inventare una musica che è allo stesso tempo universale e assolutamente sua.
Cinque anni dopo l’album “Champagne for Gypsies”, Goran Bregović torna con una nuova produzione incentrata sul tema della diversità religiosa e della coesistenza pacifica: “Three Letters from Sarajevo”, uscito con Universal il 6 ottobre 2017. […] Per l’occasione all’album hanno partecipato voci meravigliose ed esplosive: Bebe, Riff Cohen, Rachid Taha, Asaf Avidan. […] presenterà gran parte del nuovo disco, ma anche i grandi successi degli ultimi album e le indimenticabili colonne sonore che lo hanno reso celebre. Sarà accompagnato dalla sua storica formazione “The Wedding and Funeral Band”.

EVENTO FACEBOOK

***

SONGHOY BLUES
25 luglio, Isola Tiberina
Isola del Cinema 

“Songhoy Blues è un gruppo di musica blues del deserto di Timbuctu , in Mali. La band è stata formata a Bamako dopo che furono costretti a lasciare le loro case durante il conflitto civile e l’imposizione della Sharia. La band pubblicò il loro album di debutto, Music in Exile tramite Transgressive Records nel febbraio 2015, mentre con Cult Records di Julian Casablancas collaborando con la Atlantic Records pubblicarono l’album in Nord America nel marzo 2015. Il gruppo è uno dei principali soggetti del film documentario They Will Have To Kill Us First”.

EVENTO FACEBOOK